Omega3 cancro prostata
Foto che indica l omega3 sottoforma di alimento

Gli Omega-3 aumentano rischio di cancro aggressivo alla prostata

Benessere

A seguito di una ricerca è stato possibile stabilire il rischio di cancro aggressivo alla prostasta a causa degli Omega-3.

I ricercatori americani sono rimasti sbalorditi nello scoprire che livelli più elevati di grassi omega-3 acidi nel sangue, normalmente promossi come un bene per il cuore, sono legati a un più alto rischio di cancro aggressivo alla prostata e, viceversa, un aumento dei livelli di grassi trans, comuni negli alimenti trasformati a base di oli vegetali parzialmente idrogenati, considerati un male per il cuore, sono collegati a un rischio più basso.

Tuttavia, nessuno dei grassi è risultato collegato al rischio di carcinoma della prostata di basso grado.Questi dati sono risultati dallo studio più ampio mai eseguito sui legami tra grassi alimentari e rischio di cancro alla prostata, pubblicato questa settimana sul Journal of Epidemiology.

Il prof. Theodore M. Brasky, del Fred Hutchinson Cancer Research Center a Seattle, Washington, che ha guidato lo studio ha dichiarato:”Siamo rimasti sbalorditi nel vedere questi risultati e abbiamo speso moltissimo tempo per assicurarci che le nostre analisi fossero corrette”.

Brasky e i colleghi del Centro di Hutchinson di Public Health Sciences Division, e della University of Texas, Health Science Center a San Antonio con il National Cancer Institute, hanno analizzato un sottoinsieme di dati su più di 3,4000 uomini che prendono parte al Prostate Cancer Prevention Trial, un ampio studio clinico randomizzato a livello nazionale, che coinvolge più di 19.000 uomini di 55 anni, che hanno testato le prestazioni della finasteride per la prevenzione del cancro alla prostata.

Brasky, ha proseguito: “Le nostre scoperte mutano quello che sappiamo – o meglio ciò che pensiamo di sapere – sulla dieta, sulle infiammazioni e sullo sviluppo del cancro alla prostata. ”

Brasky e colleghi hanno scoperto che gli uomini con i livelli più alti nel sangue di acido docosaesaenoico o DHA, eacido grasso omega 3 che riduce le infiammazioni, avevano 2,5 volte il rischio di sviluppare cancro alla prostata aggressivo ad alto grado rispetto al uomini con il più basso livello di DHA nel sangue.Hanno anche scoperto, al contrario, che gli uomini con una percentuale più alta nel sangue di acidi grassi trans, colpevoli di patologie cardiache ed infiammatorie, avevano un rischio ridotto del 50% di sviluppo di cancro alla prostata aggressivo.

Hanno infine scoperto che nessuno dei due tipi di acidi grassi è legato al rischio di carcinoma della prostata di basso grado.

Hanno anche scoperto che-6 acido grasso omega, comune in maggior parte degli oli vegetali, e che è stato collegato alla malattia di infiammazione e di cuore, non era legata al rischio di una sollevato tumore della prostata ad alto grado o di basso grado.

I ricercatori devono scoprire ora le ragioni del perché di questa correlazione, anche se molti nutrizionisti e medici consigliano 450 mg al giorno di omega-3 DHA come parte di una dieta sana, attualmente non esistono linee guida ufficiali negli Stati Uniti.

Cautela quindi con l’uso di omega-3. Il prof. Brasky tranquillizza sul punto: “Non credo che questi risultati debbano scoraggiare gli uomini a continuare ad assumero omega-3. Nel complesso, gli effetti benefici del consumo di pesce per prevenire le malattie cardiache è superiore rispetto agli eventuali danni derivanti dal rischio di cancro alla prostata”.